lunedì 23 aprile 2018



NON TI COSTA NULLA.... 

Con un piccolo gesto partecipi allo sviluppo e la crescita della Protezione Civile nella tua Città.   Donne ed Uomini sempre disponibili. 
Grazie, Grazie, Grazie



martedì 27 marzo 2018

RIENTRO SULLA TERRA DELLA STAZIONE SPAZIALE CINESE TIANGONG 1


(in fondo al post le raccomandazioni del Dipartimento di Protezione Civile ed i link per la consultazione delle pagine ufficiali degli enti preposti alla sorveglianza)


Le previsioni di rientro sono soggette a continui aggiornamenti perché legate al comportamento della stazione spaziale rispetto all’orientamento che assumerà nello spazio e agli effetti che la densità atmosferica imprime agli oggetti in caduta, nonché alle conseguenze sulla materia dell’attività solare.



Aggiornamento del 02/04/2018 ore 03:27
(fonte ASI-DPC-AEROSPACE)

La stazione spaziale cinese ha concluso il suo rientro entrando in contatto con l’atmosfera terrestre ed infine impattando nell’Oceano Pacifico Meridionale alle ore 00.16 UTC (02.16 ora italiana).

(clicca per ingrandire)
Già nella tarda serata, il comitato tecnico scientifico, riunito presso la sede del Dipartimento della protezione Civile, sulla base degli ultimi dati forniti dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), aveva ormai escluso la possibilità che uno o più frammenti della stazione spaziale Tiangong-1 potessero impattare sul territorio nazionale, decidendo di sciogliere la seduta permanente che vedeva riuniti oltre a tutte le componenti del Sistema Nazionale di Protezione Civile, anche il Consigliere Militare della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i Ministeri dell’ Interno, degli Esteri, della Difesa, Enac, Enav, Ispra-Snpa, Cnr, Inaf, Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e Politecnico di Milano.







Aggiornamento del 01/04/2018 ore 20:00
(fonte ASI-DPC)

(clicca QUI per ingrandire l'immagine)
Sulla base degli ultimi dati forniti dalla Agenzia Spaziale Italiana (ASI) durante il nuovo incontro del tavolo tecnico che si è aggiornato nel pomeriggio di oggi presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, la previsione di rientro in atmosfera ad 80 km della stazione spaziale cinese Tiangong-1 è stimata per il 2 aprile alle ore 00:39 UTC (ora italiana 02:39 del 2 aprile), con una finestra di incertezza tra le 2 e le 4 ore.
Osservando la mappa, solo una delle traiettorie interessa l'Abruzzo (escludendo comunque, quasi totalmente, la provincia di Teramo, che viene solo sfiorata a Sud) ed è quella stimata fra le 5:58 e le 6:28 di domattina (2 aprile).
La possibilità che uno o più frammenti della stazione spaziale Tiangong-1 possano cadere sul territorio italiano (terre emerse) si è ridotta allo 0,1%.




clicca per aprire la pagina
in caso di difficoltà copia il link qui sotto sul tuo browser ed aggiorna periodicamente
(
fonte AEROSPACE)

http://www.aerospace.org/CORDSuploads/TiangongStoryboard.png



Aggiornamento del 01/04/2018 ore 11:37
(fonte ASI-DPC)

Nuova stima per il rientro della stazione spaziale cinese Tiangong 1, fornita dall'Agenzia Spaziale Italiana, data nominale il  2 aprile 2018 alle ore 01:17 UTC (03:17 ora italiana del 2 aprile 2018) con incertezza e intervalli di confidenza (cioé intervalli di probabilità) pari a:
± 2,72 ore con intervallo di confidenza 80%;
± 5,5 ore con intervallo di confidenza 95%



Aggiornamento del 31/03/2018 ore 19:30
(fonte ASI-DPC)

(clicca QUI per ingrandire l'immagine)
Sulla base degli ultimi dati forniti dalla Agenzia Spaziale Italiana (ASI) durante il nuovo incontro del tavolo tecnico che si è aggiornato nel pomeriggio di oggi presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, la previsione di rientro in atmosfera ad 80 km della stazione spaziale cinese Tiangong-1 è stimata per il 2 aprile alle ore 00:34 UTC (ora italiana 02:34), con una finestra di incertezza tra le 5 e le 10 ore.













Aggiornamento del 31/03/2018 ore 15:22
(fonte ASI-DPC)

Angelo Borrelli - Capo Dipartimento della Protezione Civile
Sul tavolo del Capo Dipartimento le 4 ipotesi di caduta che potrebbero interessare il territorio nazionale (foto a lato).





DUE IPOTESI RIGUARDANO L'ABRUZZO (vedi dettaglio in basso)






La stima dell’Agenzia Spaziale Italiana di rientro in atmosfera, soggetta a variazioni in funzione dell’evoluzione del flusso solare e tempeste geomagnetiche, prevede come data nominale il 1° aprile 2018 alle ore 19:03 UTC (21:03 ora italiana) con incertezza e intervalli di confidenza (cioé intervalli di probabilità) pari a:
± 6,00 ore con intervallo di confidenza 80%;
± 11,50 ore con intervallo di confidenza 95%.










Aggiornamento del 30/03/2018
(fonte ASI)

#SpaceTalk: Conto alla rovescia per Tiangong
(video)
La previsione di rientro sulla terra della stazione spaziale cinese Tiangong-1 è stimata per il 1 aprile alle ore 9.26 UTC (ora italiana 11.26), con una finestra di incertezza di circa 12 ore.
All’interno di questo arco temporale, le finestre di interesse per l’Italia, al momento riguardano il potenziale coinvolgimento delle regioni Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. La possibilità che uno o più frammenti della stazione spaziale Tiangong-1 possano cadere sul territorio italiano (terre emerse) corrisponde a una probabilità stimabile intorno allo 0,2%.


Aggiornamento del 29/03/2018
(fonte ASI)

Sulla base degli ultimi dati forniti dall’Agenzia Spaziale Italiana, al momento, la previsione di rientro sulla Terra è stimata per il 1 aprile alle ore 2:50 UTC (ora italiana 4:50), con una finestra di incertezza di circa 20 ore.


Aggiornamento del 27/03/2018
(fonte ASI)

Ad oggi, la data di rientro della stazione cinese è stimata al 1 aprile 2018 alle ore 10:25 Utc (12:25 ora italiana), con un intervallo di incertezza di circa 48 ore. Ma solo nelle ultimissime fasi si potrà definire meglio la data e le parti del globo terrestre coinvolte.



___________________________________________

Imminente la caduta sulla terra della stazione spaziale cinese, che si sta progressivamente avvicinando alla Terra, per concludere il suo rientro tra il 28 marzo ed il 4 aprile 2018.

Il Dipartimento chiarisce che "solo tre giorni prima dell'evento avremo, dall'Agenzia Spaziale Italiana, la conferma del giorno esatto in cui questi frammenti cadranno, e 36 ore prima della caduta avremo maggiori informazioni sull'area che potrebbe essere interessata dal fenomeno". "La conferma dell'area interessata avverrà, però, con un preavviso, sull'eventuale impatto, che potrebbe essere inferiore ai 40 minuti", avverte la Protezione Civile.

Secondo Claudio Portelli, responsabile dell'Agenzia spaziale italiana per lo studio dei detriti spaziali e il controllo degli asteroidi, sarebbero davvero basse le probabilità che i frammenti del Palazzo Celeste possano cadere sull’Italia - circa lo 0,2%. Ma i radar continuano a monitorare, istante dopo istante, l'evoluzione del rientro del satellite cinese.

L'impatto con l'atmosfera terrestre non sarà in grado di disintegrarla, ma la ridurrà in frammenti capaci però di perforare tetti e solai sottostanti.

Queste le raccomandazioni divulgate dalla Protezione Civile:

Norme di autoprotezione

Ricordiamo che eventi di questo tipo e casi reali di impatto sulla Terra, e in particolare sulla terraferma, sono assai rari. Pertanto non esistono comportamenti di autotutela codificati in ambito internazionale da adottare a fronte di questa tipologia di eventi.
Tuttavia, sulla base delle informazioni attualmente rese disponibili dalla comunità scientifica, è possibile fornire, pur nell’incertezza connessa alla molteplicità delle variabili, alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti responsabilmente comportamenti di autoprotezione qualora si trovi nei territori potenzialmente esposti all’impatto:
• è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti. Si consiglia, comunque, di stare lontani dalle finestre e porte vetrate;
• i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone: pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici;
• all’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi), per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti;
• è poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell'impatto;
• alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero sopravvivere all'impatto e contenere idrazina. In linea generale, si consiglia a chiunque avvistasse un frammento, senza toccarlo e mantenendosi a un distanza di almeno 20 metri, di segnalarlo immediatamente alle autorità competetenti.


Per approfondimenti ed aggiornamenti in tempo reale si rimanda alle pagine ufficiali, raggiungibili attraverso i link sottostanti (cliccare sui titoli):


Dipartimento della Protezione Civile

Norme di autoprotezione
I dettagli dell'operazione di rientro
Caratteristiche tecniche della stazione
La mappa sulle opportunità di rientro per il 2 aprile 2018 - Comunicato Asi n. 15

> Comunicati stampa
> > Rientro stazione spaziale cinese: esclusa l'Italia dalle traiettorie
> > Rientro stazione spaziale cinese: ridotte a due le traiettorie sull'Italia
> > Rientro stazione spaziale cinese: la Protezione Civile monitora evoluzione
> > Rientro stazione spaziale cinese: punto stampa alle 18.30 (del 31/03/2018)
> > Rientro stazione spaziale cinese: Italia confermata tra i possibili scenari



Agenzia Spaziale Italiana

Nel Pacifico alle ore 2.16 italiane
1 aprile ore 19.00: ultimo aggiornamento
01.04 ore 13.00 Nuovo aggiornamento dal DPC
31.03 ore 19.30. Nuovo aggiornamento dal DPC
Ore 15.22 del 31 marzo: nuovo aggiornamento
Ore 20.40 del 30 marzo: nuovo aggiornamento dal DPC
#SpaceTalk: Conto alla rovescia per Tiangong (video)
Le ultime novità sul rientro della stazione spaziale cinese
ASITV: Palazzo Celeste sotto osservazione
Palazzo Celeste: ASI e Protezione Civile in prima linea
Il Paradiso Celeste è sotto monitoraggio
Palazzo celeste sotto osservazione



Aerospace

TIANGONG-1 REENTRY





lunedì 12 marzo 2018

FORMAZIONE CONTINUA………….


Il Gruppo di Volontari della Protezione Civile di Giulianova, nel mese di Marzo, è
abitualmente impegnata nella formazione continua dei propri volontari.

In queste settimane stiamo svolgendo dei corsi finalizzati all'acquisizione degli attestati
“Addetti Antincendio Alto Rischio”. I partecipanti, a seguito del conseguimento del titolo,
saranno chiamati a svolgere l’esame finale presso i Vigili del Fuoco di Teramo per
ottenere l’ “Idoneità Tecnica”.

Inoltre, è in fase di svolgimento il corso “A.I.B. II° livello” per l’abilitazione allo
spegnimento degli incendi boschivi presso la Sala Consigliare di Castelli (TE). Il corso è
stato organizzato dallo stesso comune al quale stanno partecipando 60 volontari
appartenenti a varie associazioni della provincia di Teramo (Gruppo Volontari
Protezione Civile Giulianova, C.I.V.E.S. di Teramo, ANVFC Valle Teramane Pineto, Sky
Life, Protezione Civile Torricella, Protezione Civile Castelli).

Ci corre l’obbligo ringraziare l'Amministrazione Comunale  di Castelli che ha messo a
disposizione tutte le strutture (Liceo Artistico e Sala Consigliare) e si sono prestati  a
realizzare tutte le delibere comunali necessarie per permettere ai volontari di acquisire
questo prezioso attestato che servirà a vigilare con maggiore attenzione i nostri boschi.
Si ricorda a tal fine che dopo il disastro del 2017 sono andati in fumo il 3,5% dell’intero
patrimonio boschivo abruzzese.

Il direttivo della protezione civile di Giulianova ringrazia tutti i suoi volontari che con
serietà e saggezza stanno portando avanti questi corsi al fine di migliorare la loro
preparazione così da essere sempre efficienti ed efficaci nell'emergenza e non solo.




martedì 27 febbraio 2018

MALTEMPO - AVVISO EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2018 DAL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

fonte: Dipartimento della Protezione Civile 
(clicca per aprire il comunicato)


Maltempo: Ancora neve su centro-sud e in Sardegna

26 febbraio 2018
Proseguono gli effetti del flusso di aria fredda di origine artica che ha raggiunto l’Italia in questi giorni provocando un marcato calo delle temperature e nevicate fino a bassa quota. Dalle prossime ore è previsto il perdurare delle nevicate sui settori costieri delle regioni centro-meridionali adriatiche e nuove nevicate sulla Sardegna.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).
L’avviso prevede il persistere di nevicate fino a quote di pianura su Abruzzo, Molise e Puglia, nonché su Marche e Sardegna al di sopra dei 200-400 metri, con sconfinamenti fino a quote di pianura. Le nevicate determineranno apporti al suolo da deboli a moderati.
Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, 27 febbraio, allerta gialla su Abruzzo e Molise, nonché su parte dell’Emilia Romagna. Permane inoltre l’allerta gialla per rischio idrogeologico localizzato sul Veneto, bacino dell’Alto Piave, a causa della frana della Busa del Cristo, nel Comune di Perarolo di Cadore (Belluno), sulla quale è in corso un continuo e attento monitoraggio.
Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.
    

lunedì 26 febbraio 2018

ORDINANZA SOSPENSIONE ATTIVITA' SCOLASTICHE, MARTEDI' 27 FEBBRAIO 2018

clicca per consultare l'ordinanza


Disposta dal Sindaco la sospensione delle attività scolastiche per la giornata di martedì 27 febbraio 2018.
In relazione quindi alla evoluzioni previste per le condizioni meteo, le scuole di Giulianova di ogni ordine e grado rimarranno chiuse anche nella giornata di domani.